SIAMO A CAVALLO

ASSOCIAZIONE TERRITORIALE PER L’INTEGRAZIONE PASSO PASSO

Raggiungimento progetto 50%

Il sottoscritto Rasia Danillo, in qualità di Presidente e legale rappresentante della scrivente Associazione, rinnova la richiesta di contributo relativamente al progetto di “riabilitazione equestre” per minori con disabilità, condotto dalla dottoressa Mazzotta presso il Centro Ippico bolognese di Rastignano.

Sono ad informare sulle ultime spese sostenute nel corso dell’anno 2017:

– Società ippica bolognese, con ricevuta nr 125 del 16/06/2017 di € 1.185,00

– Società ippica bolognese, con ricevuta nr 216 del  09/12/2017 di € 1.290,00

Queste spese chiudono il percorso relativo al  2017 per un totale di € 2.475,00.

Alleghiamo relative fotocopie di ricevute di pagamento.

Nell’occasione, in vista della programmazione per il prossimo anno, chiediamo se rimane confermata la vostra disponibilità a proseguire questa proficua collaborazione per la continuità del progetto a favore di nuovi bambini/ragazzi con disabilità che ne possano ricavare beneficio, sotto la competente conduzione e supervisione della dott.ssa Giovanna Mazzotta, neuropsichiatra nonché coordinatrice equestre.

Ricordo che il progetto è compartecipato dal Dipartimento di Salute Mentale – Area NPIA (Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza), che ha carico le spese del personale coinvolto, mentre le spese dovute al Centro Ippico ospitante verrebbero coperte, tramite l’associazione, in parte dalle famiglie ma ancora di più grazie al contributo prezioso della vostra Fondazione.

Ricordo infine che se la valutazione finale sul percorso fatto sperimentalmente con questo progetto specifico risultasse positiva, le famiglie interessate possono decidere di continuare a loro spese l’attività di riabilitazione equestre, ricevendo un parziale contributo incentivante e di sostegno per i minori seguiti dalla NPIA territoriale, grazie ad un’azione progettuale della nostra stessa Associazione nell’ambito del Programma PRISMA del Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL di Bologna, volto a recepire e finanziare, se pur in parte, progetti condivisibili di sussidiarietà, proposti dalle associazioni aderenti al CUFO-SM (Comitato Utenti Familiari e Operatori della Salute Mentale, cui afferisce per l’appunto anche l’Area NPIA)

Restando in attesa di un Vostro gentile riscontro, nuovamente ringraziamo sentitamente per la vostra collaborazione e inoltriamo i nostri più cordiali saluti,

Marzabotto, 22/02/2018

Il Presidente
Danillo Rasia